Proposta di legge per l’inclusione di sette comuni nella Città metropolitana di Cagliari

0
226

Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa promossa da me e dagli altri consiglieri regionali del gruppo Pd dell’area cagliaritana, Comandini, Cozzolino e Ruggeri, è stata presentata la proposta di legge n.562/2018 che modifica la Legge regionale 4 febbraio 2016, n. 2 (Riordino del sistema delle autonomie locali della Sardegna) all’articolo 17, comma 2 e il comma 3.

La proposta riguarda l’ingresso nella Città metropolitana di Cagliari di sette comuni – San Sperate, Dolianova, Decimoputzu, Villasimius, Villaspeciosa, Burcei e Domus de Maria – che fino ad oggi non ne fanno parte ma che da sempre intessono dei rapporti con la città di Cagliari, con la quale condividono strettissimi interessi economici, sociali e culturali. Sette comuni che hanno deliberato ciascuno, in tempi diversi, attraverso i consigli comunali la volontà di far parte della Città metropolitana di Cagliari, volontà della quale noi consiglieri firmatari della proposta abbiamo preso atto. Non si è trattato di rispondere semplicemente ad una istanza dei singoli comuni esclusi fino ad oggi dalla Città metropolitana, ma di controbilanciare – in coerenza con il nostro Statuto – la legislazione regionale a partire proprio da quelle stesse istanze.

L’intenzione non è quella di ricreare la provincia di Cagliari sostituendo la città metropolitana alla vecchia provincia – modello indicato dalla legge Delrio (Legge 7 aprile 2014, n. 56) e rivisto poi dal legislatore regionale – ma di riconoscere quei legami economici, sociali e culturali che esistono fra i comuni che rientrano nella Città metropolitana di Cagliari. La legge regionale che l’ha istituita, infatti, ne ha previsto una strutturazione sulla base o dell’appartenenza dei comuni al forum dei sindaci del piano strategico intercomunale o dell’esistenza di rapporti di contiguità territoriale o economico-sociale con la città di Cagliari. La stessa legge, poi, non prevede meccanismi di entrata dalle nuove province – Città metropolitana di Cagliari e nuove province sarde – e per questo abbiamo voluto aprire una possibilità, coerentemente con il resto.

Auspico che la proposta entri in aula prima della fine della legislatura. La Città metropolitana di Cagliari sta dando ottimi segnali di gestione e quello che stiamo dando è un contributo positivo ad una norma che è adeguata ma che con questa modifica può essere migliorata, sempre in linea con la ratio di valorizzazione dell’autonomia locale nella gestione dell’area vasta e nell’orientamento dei processi di conservazione, riqualificazione, trasformazione e valorizzazione di un territorio più ampio e coerente con le intenzioni del legislatore.

Leggi il testo della proposta di legge n.562/2018

Leggi il testo della Legge regionale n.2 4 febbraio 2016